Visualizzazioni totali

sabato 2 giugno 2012

Breve storia sulla tecnica embroidery e un paio di miei bracciali


In parole povere, embroidery vuol dire ricamo.

Le origini dell'embroidery sono sconosciute, ma i primi ritrovamenti provengono da antico Egitto, Nord Europa e  Cina . I lavori piu' antichi ritrovati in Cina erano delle vere e proprie rappresentazioni di battaglie (parliamo del 5° secolo ac).
Questa arte non e' cambiata molto nel tempo, sia per quanto riguarda la tecnica che per l'utilizzo dei materiali.

Il ricamo era un'arte molto importante nel medioevo islamico, una delle testimonianze più interessanti di ricamo nel 17 ° secolo, ci viene fornita dal viaggiatore turco Evliya. Ricchi ricami embroidery erano considerati un segno di alto status sociale nelle società musulmane, attualmente è diventata un'arte estremamente popolare. In città come Damasco, Il Cairo e Istanbul, il ricamo e lo si poteva trovare su fazzoletti, uniformi, bandiere, scarpe, abiti, tuniche, le bardature dei cavalli, pantofole, guaine, borse, coperte e anche su cinture in pelle. Molti artigiani ricamavano con oro e argento, e ciascuna di queste imprese artigianali di ricamo impiegavano oltre 800 persone.
Abiti riccamente ricamati, oggetti religiosi, e oggetti per la casa sono stati un segno di ricchezza e di status in molte culture tra cui l'antica Persia, India, Cina, Giappone, Bisanzio e l'Europa medievale e barocca. Tecniche tradizionali popolari sono passate di generazione in generazione nelle diverse culture come Vietnam, Messico e Europa orientale. Seminari e collegi professionali sorti in Inghilterra medievale. avevano dei veri laboratori per gli allievi chiamati Opus Anglicanum o "lavoro in inglese," ed erano famosi in tutta Europa.

Embroidery con perline

I ricami di perline furono introdotti  nel 12 ° secolo sulla chiesa tedesca che utilizzava questa tecnica per abbellire i paramenti. Nel medioevo il ricamo veniva abbozzato generalmente su pergamena,  ricamato,e poi utilizzata come applicazione al tessuto principale.


Solitamente si usava creare delle stringhe di circa 200 perline, e poi queste venivano adattate al disegno con un altro ago .
In questo primo periodo, la maggior parte dei lavori embroidery erano  limitati alla categoria ecclesiastica a causa dell'elevato costo di produzione.
Generalmente nel medioevo, le perline in uso erano pietre preziose, il rosso era corallo, blu in lapislazuli, bianco con perle.
Nei secoli successivi, le case produttrici di vetro in Italia (Venezia) diedero un forte contributo allo sviluppo di tale tecnica mediante la produzione di perline di vetro, verso la fine del '500
si creavano rosari, cinture e collane abiti elaborati così fittamente ricamato con perle e oro o argento smalti da sembrava mosaici, finchè il Senato nel 1594  emanò una legge che imponeva di utilizzare le perline solo per le acconciature.
Le perline utilizzate nel medioevo erano davvero minuscole!!! a partire dalle 11/0 fino a scendere verso le 24/0 !!! ...praticamente un granello di sabbia...

Altro popolo che ha sempre avuto fortemente in uso l'utilizzo dell'embroidery con perline  è stato quello dei nativi americani, essi usavano decorare vere e proprie scene di vita quotidiana  su abiti in cuoio e pelle e sui loro monili.

Oggi la tecnica embroidery ha molte sfumature diverse e viene fortemente influenzata dalle mode e dalle culture, essendo versatile e di semplice applicazione, riesce sempre a rinnovarsi e a mantenere una propria tendenza nel campo della moda mondiale.

Ora vorrei mostrarvi i miei ultimi due bracciali eseguiti con questa tecnica, lavorando su base in metallo sulla quale ho cucito scampoli di pelle decorati con perline strass pietre dure e pizzi.