Visualizzazioni totali

mercoledì 3 aprile 2013

La tecnica netted: Curiosità, storia, esempi pratici di una delle tecniche di tessitura con perline più antica al mondo, la bead netting

La tecnica netting,  può essere fatta risalire ai manufatti egizi del Nuovo Regno (664-525B.C.) anche se probabilmente le sue origini sono ancora più lontane nel tempo. Sono stati ritrovati veri e propri abiti eseguiti in netted con perline bugle su mummie egizie La tecnica netting bead può essere ritrovata nella maggior parte delle culture del mondo.  



 (Maschera funebre ritrovata su una mummia appartenente alla ventiseiesima dinastia (664-525)



(Abito da ballo egizio risalente alla quinta dinastia [2400AC]. Veniva indossato su corpo nudo.


Alcuni dei più squisiti lavori con questa maglia a rete, furono eseguiti nel 1800, in particolare durante il periodo vittoriano, molti con perle e perline jet. La netting veniva usata per abbellire borse in tessuto a partire da 1850 fino ai primi del 1900.





 

Questa tecnica di tessitura, veniva usata come abbellimento su capi di abbigliamento ecclesiastico già nel 1100 AC. Elaborati intrecci netting venivano tessuti dai nativi americani che continuano ad utilizzare questa tecnica anche ai giorni nostri, mantelle, collari, monili, grembiuli e copricapo, persino ornamenti per i cavalli sono stati rinvenuti sia in Nord che in  Centro America. Alcuni manufatti africani includono la lavorazione netting. La tecnica netted era molto diffusa e lo è tutt'ora in Africa. Ritrovamenti del 1800 includono copricapi provenienti dal popolo Yoruba abbelliti con reti di perline.



 
 
La tecnica netted prevede molte varianti partendo da quelle di base, solo variando il tipo di materiale si possono ottenere diverse ed interessanti campionature.